Uso dei cookie

Questo sito web fa uso di cookie tecnici ai soli fini statistici interni e non divulga tanto meno condivide informazioni ad essi correlati. Il vostro browser utilizza comunque cookie durante la navigazione, se non si desidera tale opzione potete abbandonare il sito oppure disabilitarli modificando le impostazioni del browser, sapendo che in seguito a tale modifica potreste riscontrare problemi di navigazione su tutto il web.

Cosa sono i cookie

Un cookie è un piccolo file di testo che viene creato all’interno del computer di chi visualizza un sito web allo scopo di registrarvi alcune informazioni relative alla visita nonché di creare un sistema per riconoscere l’utente anche in momenti successivi; tale cookie, infatti, potrà non solo essere creato ma anche letto e modificato dallo stesso sito web che lo ha generato.

In pratica possiamo dire che i cookie sono una sorta di “memoria” attraverso la quale un sito web riesce a riconoscere uno specifico utente e ad associargli delle informazioni di varia natura e per differenti finalità.

E’ bene precisare che un sito Web può impostare un cookie sul browser dell’utente solo ed esclusivamente se le preferenze configurate per quest’ultimo lo consentono e che il browser può consentire a un determinato sito Web di accedere solo ed esclusivamente ai cookie da esso impostati e non a quelli impostati da altri siti Web in quanto, come detto, il cookie è un sistema di collegamento tra uno specifico sito web ed uno specifico utente.

I cookie sono cattivi?

No. I cookie sono uno strumento tecnico essenziale per il buono e corretto funzionamento di quasi tutti i siti web esistenti. E’ bene essere molto chiari in merito perché, a mio avviso, si sta creando una grande confusione sull’argomento.

Per rendercene conto è sufficiente un piccolo esperimento: proviamo a bloccare – attraverso le impostazioni del browser – tutti i cookie, dopodiché proviamo a navigare e ad utilizzare i nostri servizi on-line preferiti. Basterebbero pochi minuti per renderci conto che, senza i cookie, non ci sarebbe possibile accedere a Facebook o alla nostra webmail preferita, utilizzare il nostro home-banking ne fare moltissime altre cose.

La capacità dei cookie di identificare un utente e di associargli delle informazioni, infatti, è stata concepita per finalità tecniche molto importanti e non certo per poter tracciare un profilo della personalità e delle abitudini dell’utente di Internet: quest’ultima finalità, in un certo senso, può e deve essere vista come l’eccezione alla regola, essendo i cookie uno strumento nato per tutt’altro scopo.

Diverse tipologie di cookie

Nel provvedimento dell’8 maggio 2014, infatti, il Garante identifica due macro categorie di cookie:

Cookie tecnici
Si tratta di cookie normalmente trasmessi in prima persona dal gestore del sito per finalità strettamente connesse al buon e corretto funzionamento del sito stesso. Questa famiglia di cookie comprende:
Cookie di navigazione (o di sessione)
Questi cookie sono necessari per garantire la normale fruizione del sito web e desi suoi servizi permettendo, ad esempio, di autenticarsi ad aree riservate o di effettuare un acquisto.
Cookie funzionali
Questi cookie, pur non essendo essenziali, migliorano la funzionalità del sito in quanto consentono all’utente di esprimere delle preferenze persistenti circa alcuni aspetti della navigazione (ad esempio selezionare la lingua o memorizzare alcuni prodotti preferiti all’interno di un e-commerce).
Cookie di Analytics (o statistici)
Sono considerati “cookie tecnici” laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito.
Cookie di profilazione
Riprendendo la definizione data dal garante della Privacy i cookie di profilazione “sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete”.
Mentre per i cookie tecnici NON è richiesto alcun consenso preventivo da parte dell’utente (il sito web, cioè, può gestirli tranquillamente senza dover adempiere ad alcuna formalità), per i cookie di profilazione la normativa europea e italiana prevede che “l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso”.

Cookie di prime e terze parti
Un’altra importante distinzione riguarda il soggetto attivo, cioè colui il quale procede alla materiale trasmissione del cookie sul computer dell’utente. In questo senso si distingue tra i cosiddetti cookie di prime parti e di terze parti:

i cookie di “prime parti” sono, in poche parole, quelli trasmessi direttamene dal gestore del sito web visitato;
i cookie di “terze parti” sono, invece, quelli trasmessi da società terze presenti all’interno del sito visitato mediante appositi codici, i quali sono stati inclusi al fine di integrare nel sito funzionalità ulteriori.
Come è facile immaginare, i cookie di terze parti sono quelli che suscitano le maggiori preoccupazioni in quanto, oltre ad essere incredibilmente diffusi, sono totalmente estranei alla gestione ed al controllo del titolare del sito che, spesso e volentieri, ne ignora le finalità se non addirittura l’esistenza.

Fonte mrwebmaster.it