Privacy Policy Cookie Policy Programma Archivi Aperti 2021

Gli appuntamenti del GRIN – Sedi delle visite

STUDIO RADINO/OMENETTO Francesco Radino nasce a Bagno a Ripoli (Firenze) nel 1947 da genitori entrambi pittori. Milanese di adozione, dal 1970 diventa fotografo professionista e sceglie di operare in vari ambiti, dalla fotografia industriale al design, dall’architettura al paesaggio. Da sempre intreccia lavoro professionale e ricerca artistica ed è oggi considerato uno degli autori più eclettici nel panorama della fotografia contemporanea in Italia. Partecipe degli sviluppi della fotografia di ricerca sul paesaggio contemporaneo, ha negli anni elaborato un modo libero di esplorare la realtà che oggi va oltre il genere del paesaggio, aprendosi a ogni aspetto del mondo, dalla natura ai territori urbanizzati, dalla figura umana agli oggetti, dagli animali ai manufatti della storia dell’uomo. Ha esposto il suo lavoro in gallerie e musei italiani, europei, giapponesi e statunitensi e le sue opere fanno parte di collezioni pubbliche e private internazionali. Cristina Omenetto è nata a Milano, dove si è perfezionata nelle lingue straniere. Ha abitato poi a lungo a Londra e in California. A Santa Barbara ha vissuto 2 anni, nutrendosi della stimolante controcultura americana degli anni ’60/’70. Al ritorno a Milano è nato il suo primo figlio e dopo la nascita del suo secondo figlio, inaugura una nuova fase della sua vita  e, per l’empatia che la lega al suo compagno fotografo,  inizia a fotografare a sua volta. I suoi interessi riguardano soprattutto temi di indagine sociale ed è stata tra le prime a documentare il nascente mondo dell’immigrazione femminile.  Nel tempo il suo sguardo si è spostato anche sul paesaggio e sull’archeologia realizzando immagini che comunicano l’intensità delle emozioni dei luoghi, una densità raggiunta attraverso un dialogo personale e poetico con la realtà.  Ha realizzato decine di mostre in Italia e all’estero, servizi sulle più importanti testate nazionali ed estere,  ha pubblicato numerosi libri fra i quali: Donne Migranti Eritree a Milano – Donne Arabe – Donne Filippine – Bambine e Bambini di qui e d’altrove – In & Out – Lost & Found. Lo Studio Radino e Omenetto è operativo nell’attuale suggestiva location della Bovisa dal 1998.

LA VISITA visita guidata all’interno dello studio dove saranno visibili opere di entrambi sia in parete che nell’archivio oltre alle loro numerose pubblicazioni. La visita proseguirà con una visita all’archivio e con una presentazione delle opere stampate. Verrà presentata inoltre una didattica relativa alla digitalizzazione del materiale analogico realizzato con una innovativa tecnica personale. I due autori dialogheranno con i visitatori rispondendo alle loro domande e faranno una breve narrazione della loro lunga e diversificata esperienza professionale e umana.

FONDAZIONE GIAN PAOLO BARBIERI Costituita nel 2016 dallo stesso Barbieri, è un’istituzione culturale che opera nel settore delle arti visive e che persegue finalità di promozione della figura artistica del fondatore, delle sue opere fotografiche e di tutti i beni materiali e immateriali che ne testimoniano la sua attività artistica-creativa. L’attività della Fondazione pone le sue basi nell’archivio che conserva preziosamente tutto il patrimonio artistico di Gian Paolo Barbieri, ponendosi, come scopo principale, la conservazione, la tutela, la gestione, la protezione, l’acquisizione, l’archiviazione, la catalogazione, l’autenticazione e la promozione dello stesso e delle opere del Fondatore per la diffusione della cultura fotografica, in Italia e nel mondo. Fin dalla metà degli anni Sessanta, Barbieri è stato il fotografo dei grandi stilisti, da Valentino ad Armani, da Versace a Ferré. Le sue immagini hanno dettato il gusto e lo stile della società.

LA VISITA visita guidata all’interno della sede della Fondazione attraverso lo studio personale di Gian Paolo Barbieri. Al suo interno, oltre la sua produzione fotografica, saranno visibili le altre produzioni artistiche che completano la sua figura creativa. Inoltre saranno esposte le sue macchine fotografiche e le sue pubblicazioni. La visita proseguirà all’interno dell’archivio attraverso l’esposizione del materiale analogico custodito al suo interno.

LAILA POZZO STUDIO Laila Pozzo, milanese, è passata dall’architettura alla fotografia, assistente di Douglas Kirkland e Sarah Moon, ritrattista ma con incursioni nel mondo del food e della foto industriale. Nel 2014 ha dato vita a Breakaleg, progetto web dedicato al teatro: un archivio, una memoria storica della scena teatrale milanese degli ultimi anni.

LA VISITA Esposizione fotografica di una selezione di ritratti dedicati al teatro. Proiezione di una carrellata di lavori professionali e personali. Visita alla studio e dimostrazione di un set di ritratto. Ai primi cinque iscritti Laila Pozzo realizzerà un ritratto. Spiegazione di come è organizzato l’archivio e di come funziona Breakaleg.

ARCHIVIO DONATA PIZZI Donata Pizzi è fotografa e collezionista. Frequenta il BA in Visual Arts al West Surrey College of Art and Design nel 1979. Si diploma in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Milano nel 1985. Dai primi anni Ottanta lavora nel campo della fotografia. Ha realizzato diverse mostre e pubblicazioni frutto di ricerche e viaggi personali. Tra queste si ricordano: Passaggio al Moderno (Fondazione La Triennale Di Milano 2004); Città Metafisiche (IIC Berlino,Esposizione Universale di Aichi, Fondazione Kajima Tokyo, Archivio di Stato,Roma, Centro Culturale La Recoleta Buenos Aires, Museo dell’Architettura Mosca, Biblioteca Nazionale di Bielorussia Minsk – cat.Skira 2005); Roma in Africa, Museo di Roma Palazzo Braschi (cat.Donzelli 2007); Intolerance (Fondazione La Triennale di Milano 2011). Dal 2015 lavora alla costituzione di una collezione di fotografia italiana incentrata sul lavoro di fotografe e artiste attive tra il 1965 e il 2015 (L’altro Sguardo, Fondazione la Triennale di Milano, 2016, Palazzo delle Esposizioni, Roma, 2018, Dietro l’obiettivo-Fotografe Italiane 1965-2018, Museo di Santa Giulia, Brescia).

LA VISITA Collezione fotografica (fotografe italiane 1965-2018).

Orari e prenotazioni visite

STUDIO RADINO/OMENETTO con Francesco Radino, Cristina Omenetto e Giovanna Calvenzi, photo editor GRIN

Venerdì 15 ottobre alle 10.30 e alle 16.00

Min 5 – Max 10 persone

info@francescoradino.it omencr@gmail.com – Via Candiani 123, Milano – citofono 1

FONDAZIONE GIAN PAOLO BARBIERI con Giulia Manca e Mariateresa Cerretelli, photo editor GRIN

Martedì 19 ottobre alle 10.30 e alle 14.00

Min 4 – Max 7 persone a gruppo persone

g.manca@fondazionegpb.it – via Lattanzio 11, Milano

LAILA POZZO STUDIO con l’autrice e Mariateresa Cerretelli, photo editor GRIN

Mercoledì 20 ottobre alle 10.00 (visita in studio) e alle 14.00 (diretta on-line)

Min 5 – Max 20 persone

info@lailapozzo.com | 347-9733565 – Viale dei Mille 70, Milano

ARCHIVIO DONATA PIZZI

Giovedì 21 ottobre alle 10.00 (diretta on-line)

collezionedonatapizzi@gmail.com