Isidre García Puntí racconta le trasformazioni contraddittorie di Barcellona. Dalla bolla immobiliare, con i suoi vertiginosi cambiamenti urbanistici, alla stasi improvvisa e agli sgomberi portati dalla crisi.

La scelta della fotografia stenopeica come mezzo di indagine, nasce dalla necessità di sfruttare una dimensione trascurata dalle tecniche fotografiche attuali: il tempo. È proprio il tempo, con la sua lentezza, indispensabile nel processo di cattura dell’immagine, a far emergere l’incoerenza del nuovo modello urbanistico, a restituire voce agli spazi e alle persone messi da parte dalle leggi economiche e del design.

Inaugurazione 20 marzo ore 18,30

dal 20 marzo al 3 aprile, a cura di Roberto Mutti

Galleria Obiettivo Reporter, via Natale Battaglia, 34,Milano

catalogo-photofestivalmilano © Isidre García Puntí

obreporter © Isidre García Puntí