Mercoledì 29 aprile 2009 alle ore 21 il GRIN, con il sostegno di UniCredit Group, presenta il video “Tra due fuochi. Letteratura e fotografia 1761–2000” di Cesare Colombo presso la Fondazione Arnaldo Pomodoro, via Solari, 35 Milano (tel. 02/89.07.53.94-5)

Intervengono:
Cesare Colombo, fotografo e storico della fotografia
Adamo Calabrese, scrittore e illustratore
Roberto Mutti, critico di fotografia

Nel marzo scorso all’Università di Warwick, UK, si è svolto un interessante convegno internazionale sul tema “Letteratura italiana e Fotografia” con interventi di una trentina di relatori provenienti in prevalenza da Gran Bretagna, Usa, Canada, Australia. L’iniziativa – che si sarebbe potuta definire temeraria – ha confermato l’interesse e l’ammirazione che tutt’ora la cultura internazionale rivolge al nostro paese. Tra gli interventi, uno in particolare, di Cesare Colombo (in forma di video) è stato presentato all’inizio del convegno, come una carrellata storica sui rapporti incrociati tra fotografi, immagini, letteratura, autori e critici, a partire da 1761… quando Goldoni descrive le lanterne magiche presenti tra le calli veneziane, con fantastiche immagini ottiche che precedono la fotografia. Lungo l’800 e il 900 si snodano venti casi esemplari: dai ritratti ai letterati (Nunes Vais) all’interpretazione di testi poetici (Montale-Mulas ) alle riprese fotoamatoriali di Giovanni Verga e a quelle fotogiornalistiche di Carla Cerati, alle memorie familiari evocate da Lalla Romano.